“Conati di libertà”

Se “nel vino vi era anche una grossa intuizione: la gioventù”, Amelia Rosselli ci suona, con la musicalità delle sue parole, la vertigine di un vuoto, l’immagine di un passato che può essere di chiunque e la vaghezza d’oggi che risuona in ogni verbo declinato al passato che ci declina esso stesso, in qualche modoContinua a leggere ““Conati di libertà””

Da “Serie ospedaliera”

Amelia Rosselli crea con il verso uno spartito immaginario e immaginifico in cui rimaniamo impigliati con la grazia dell’affronto e in sospensione appesi per la gola “vivendo la vita”. E se capita di bestemmiare, no, non rischiamo di coprire il comando. Andiamo avanti (o andiamo via) con un “ticchettio di scarpe sul selciato”. Non poteteContinua a leggere “Da “Serie ospedaliera””