“Donne”

La prima edizione della raccolta (con buona pace di chi, quest termine, lo repelle pur facendo parte della nostra lingua italiana) “La barca” di Mario Luzi, nella sua prima edizione apparsa nel 1935 per Guanda Editore, inizia proprio con questa poesia dedicata alle donne.
Mi vorrei soffermare non tanto sul senso endogeno del testo, ripetutamente indagato da critici esimi, ma sull’intuizione che reca a oggi.
Dato che non si parla di storie individuate e specifiche ma della donna come simbolo e simbologia, segno, finanche archetipo, mi sembra che questo “raccogliere timide l’orrore dei nuovi adolescenti”, depurando lessemi e significati degli arcaismi che potrebbero creare un distanziamento comunicativo non meritato, individui il comune efflusso femmineo- lacrime, mestruo, liquido amniotico, latte materno- che accomuna il passato al presente, il dramma alla gioia, l’esistenza al nulla.

“Dentro il sole del mondo” risiede l’esperienza del pianto di tutte le donne, anche oggi che, ancora una volta, brucia sul volto di tutti.

La poesia è tratta dal saggio di Daniele Piccini, Luzi, Salerno Editrice.

Pubblicato da Gisella Blanco

Poetessa, giurista, animalista ed estremamente gattofila, buddista, anticlericale e tantissimi altri difetti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: