“Tacete, o maschi”

“Tacete, o maschi” è una poesia della poetessa marchigiana Leonora della Genga, esponente di un petrarchismo politico e sociale (e non solo amoroso) e ritenuta inventrice di “sonetti scherzando perpetuamente con due voci” (che non so quanto sia effettivamente un riconoscimento di lode), ci dice, già nel 1300, come le donne, a pieno diritto, potessero fare le stesse cose degli uomini, persino parlare (contravvenendo al silenzio imposto al “gentil sesso”) e scrivere. Donne rivoluzionare si nasce. Argolibri edizioni.

Pubblicato da Gisella Blanco

Poetessa, giurista, animalista ed estremamente gattofila, buddista, anticlericale e tantissimi altri difetti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: