“Triste riva”

La parola non assolutizza ma definisce nella vaghezza dell’emozione attraverso la trasfigurazione della natura nominalistica e aggettivata in stratificazione esistenziale, visione psichica, disvelamento orfico che si appunta nel sapore caldo della saliva d’un amore, d’un lutto o di uno dei molteplici sé. Giorgio Caproni nella raccolta “Ballo a Fontanigorda”. Garzanti Libri

Pubblicato da Gisella Blanco

Poetessa, giurista, animalista ed estremamente gattofila, buddista, anticlericale e tantissimi altri difetti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: