“Quando noi morti ci destiamo”

L’amore etero, l’amore di donne, l’amore d’uomini, l’amore cieco, romantico, carnale, cartografico, semantico, algebrico, piccolo piccolo, enorme. E l’oppressore, un oppressore che sta fuori e sta dentro, che entra senza uscire, che risiede nel linguaggio, nella legge, nel non verbale, nell’invertebrato, nella concitazione e nella desolazione, nelle case e nelle chiese, nel reato e nell’immaginato, nella chiave a testa di donna che non si trova. Adrienne Rich in Cartografie del silenzio. Poesia Crocetti Editore.

Pubblicato da Gisella Blanco

Poetessa, giurista, animalista ed estremamente gattofila, buddista, anticlericale e tantissimi altri difetti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: