Jacques Prévert in “Sole di notte”

Giovanni Raboni, nella prefazione a “Sole di notte” Tea Edizioni, ci avverte: Jacques Prévert non si piange addosso, non fa della fascinazione per la giovinezza un pietismo lirico opprimente. Non banalizza, non si disarma e non preclude vitalismo alle crepe del tempo, della storia, della vita. “Con tenerezza sconforto e amicizia” il poeta guarda all’oggi, il muratore al suo muro e noi a cosa scegliamo di essere “con ardente lucidità”.

Pubblicato da Gisella Blanco

Poetessa, giurista, animalista ed estremamente gattofila, buddista, anticlericale e tantissimi altri difetti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: