“Arresti frequenti”

L’alea del segno nella lingua-un segno dialogico, amoroso- comunica sull’orlo sdrucito della parola.

La poesia è un letto di terra da allagare in un tempo non computabile, sui fianchi ramificati del desiderio, o di un dover essere che si compie nel se del sé.

“Arresti frequenti, Poesie scelte 1965-2006”, di Michel Deguy, tradotto da Mario Benedetti, con prefazione di Martin Rueff, Luca Sossella editore.

Pubblicato da Gisella Blanco

Poetessa, giurista, animalista ed estremamente gattofila, buddista, anticlericale e tantissimi altri difetti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: