“Le comunioni”

Stanze di quartine a rime incrociate (almeno in questa parte del testo in cui sono presenti anche stanze di sei versi) formano la poesia “Le comunioni“ che Arthur Rimbaud scrisse nel luglio 1871, dopo aver presenziato alla comunione della sorella Isabelle.
Il rito fideistico viene interpretato come ingiuria alla purezza intrinseca della vita. Si tratta di un componimento altamente anticlericale in cui il misticismo religioso appare antinomico alla ingenua libertà umana.
Si sprona a una riflessione sull’educazione delle giovani donne, nei tempi del grande poeta e, forse, mutatis mutandis, anche dei nostri.

“Opera in versi” di Arthur Rimbaud, a cura di Adriano Marchetti, Pazzini Stampatore Editore.

Pubblicato da Gisella Blanco

Poetessa, giurista, animalista ed estremamente gattofila, buddista, anticlericale e tantissimi altri difetti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: