“Penelope”

Quando Carol Anne Duffy riscrive le storie delle donne, non lo fa parlando al loro posto o dando spazio a una finzione inverosimile della realtà: Carol si fa in mille pezzi e ciascun pezzo, staccatosi dal tutto, dal sé, dalla storia e dai condizionamenti sociali, è capace di dire quella verità che non aveva mai detto. Come Penelope che si stanca di attendere e che, nel crollo della sua attesa, diventa indipendente, attenta, soddisfatta fino a poter infilare il centro della cruna del suo ago da sola. La moglie del mondo, Le Lettere Edizioni.

Pubblicato da Gisella Blanco

Poetessa, giurista, animalista ed estremamente gattofila, buddista, anticlericale e tantissimi altri difetti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: