“4)”

Me la riesco quasi a immaginare, l’esile Amelia Rosselli, nella sua mansarda di via del Corallo a Roma, china a scrivere questi versi, magari con uno dei suoi gatti sulle ginocchia. E se nelle sue labbra c’è un segno, una critica delle cose che non si preoccupa delle cose, con la penna si può imparare a guardare e a rischiare di far crescere le spalle alla notte. Tratta da Serie Ospedaliera 1963-1965. Garzanti Libri.

Pubblicato da Gisella Blanco

Poetessa, giurista, animalista ed estremamente gattofila, buddista, anticlericale e tantissimi altri difetti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: